Modelli di distribuzione tipici del Cloud Computing

Il Cloud Computing ha rivoluzionato l’approccio alle infrastrutture IT. Ormai diamo per scontato che possiamo prelevare dei file da qualsiasi dispositivo e in ogni parte del mondo semplicemente accedendo ai data center virtuali disponibili online, i cosiddetti “cloud”. Meno scontati sono invece i diversi modelli di distribuzione tipici del Cloud Computing.

Le tipologie di servizi cloud (Infrastructure as a Service, Platform as a Service e Software as a Service) e i vari metodi di distribuzione offrono diverse opzioni di gestione e controllo, per questo è bene saperli conoscere e valutare per comprendere l’asset più idoneo da adottare in base alle proprie esigenze di lavoro.
Vale quindi la pena analizzare nel dettaglio i 4 modelli di distribuzione del Cloud Computing:
Private Cloud, Public Cloud, Hybrid Cloud, Community Cloud.

IL MODELLO DI DISTRIBUZIONE PRIVATE CLOUD

Nel modello di distribuzione Private Cloud l’infrastruttura cloud viene messa a disposizione di una singola organizzazione che include più utenti. Le risorse sono condivise esclusivamente all’interno dell’organizzazione e gli utenti possono accedere al Cloud Privato tramite la rete Intranet aziendale o tramite una rete privata virtuale (VPN).
Con il Private Cloud le organizzazioni mantengono un controllo completo dell’infrastruttura.
Questo si traduce in una una maggiore sicurezza e in una personalizzazione dei servizi, che sono consumati all’interno del cloud: tutto per ottenere prestazioni conformi ai requisiti aziendali.
Per questo il Private Cloud ben si adatta a quei settori dove sicurezza e requisiti di conformità, o normative, sono fattori fondamentali: in poche parole, a chi ha esigenze di compliance e sicurezza specifiche. Ad esempio, un’azienda può scegliere di utilizzare il Cloud Privato per archiviare i dati sensibili, implementando un livello di sicurezza e privacy più elevato.
Scegliere un Private Cloud offre quindi molti vantaggi, ma questi benefici hanno un costo. Il modello di distribuzione di Cloud Computing prevede infatti un investimento maggiore per configurare l’infrastruttura.
Non solo: il Cloud Privato richiede anche un elevato livello di competenza per poter gestire la maggiore complessità.

Vantaggi del Private Cloud:
● Prestazioni elevate
● Maggiore controllo e sicurezza
● Personalizzazione dei servizi

Svantaggi del Private Cloud:
● Alti costi di implementazione
● Maggiori responsabilità di gestione a carico del reparto IT

IL PUBLIC CLOUD COMPUTING

Il Public Cloud è invece un modello di distribuzione di Cloud Computing in cui i servizi cloud sono di proprietà di un fornitore esterno. In questo caso, l’infrastruttura cloud è strutturata per l’uso aperto al pubblico e i servizi vengono messi a disposizione di più utilizzatori attraverso Internet.
La configurazione di un Cloud Pubblico e quella di un Cloud Privato possono essere identiche.
Le differenze risiedono, invece, nel fatto che un Public Cloud può essere configurato, distribuito e gestito più rapidamente. Questo abbatte i costi per l’acquisto, nonché per la gestione e la manutenzione dell’infrastruttura, portando a un notevole risparmio. Molti provider offrono, ad esempio, la possibilità di pagare a consumo solo per le risorse utilizzate.
Il Public Cloud Computing garantisce anche una maggiore agilità operativa e una scalabilità pressoché illimitata, perché sfrutta le funzionalità e le risorse di calcolo e storage specifiche di grandi fornitori come Google, Microsoft e Amazon.
Implementare un Cloud Pubblico permette poi a un’organizzazione di bypassare la responsabilità della gestione e della manutenzione dei sistemi e dell’infrastruttura, che ricadono sul fornitore. Questo solleva dal compito le organizzazioni, ma come abbiamo visto non è indicato per le aziende che operano in settori fortemente regolamentati e che hanno bisogno di un maggior controllo sulle risorse e i dati.

Vantaggi del Public Cloud:
● Minori costi di implementazione e gestione
● Scalabilità infinita
● Responsabilità in capo al fornitore

Svantaggi del Public Cloud:
● Privacy e compliance
● Minore controllo esercitato

IL MODELLO DI DISTRIBUZIONE HYBRID CLOUD

L’Hybrid Cloud è l’utilizzo congiunto di implementazioni Public Cloud e Private Cloud.
In sostanza, Cloud Pubblico e Privato restano due soggetti unici, e le organizzazioni possono sfruttare entrambi i modelli di distribuzione di Cloud Computing e/o scegliere il cloud da utilizzare in base alle esigenze specifiche dei dati.
Ad esempio, possono utilizzare le risorse del Public Cloud per attività di computazione, e tenere al sicuro i dati sensibili e le applicazioni critiche nel Private Cloud. Oppure, di fronte a picchi improvvisi e temporanei della domanda di risorse, le organizzazioni possono scegliere di spostare i carichi di lavoro dal Private Cloud al Public Cloud, senza investire in nuove apparecchiature aggiuntive che rischierebbero di rimanere inattive o inutilizzate in futuro.
Utilizzato in questo modo, l’Hybrid Cloud consente di ottenere il meglio da entrambe le infrastrutture.
Il modello ibrido è in effetti scelto dalle aziende per ottimizzare le risorse esistenti in modo rapido, flessibile ed economico.

Se da un lato il Cloud Ibrido offre dei vantaggi comprovati, dall’altro questa implementazione risulta complessa da realizzare e gestire. La soluzione ibrida può funzionare bene solo se c’è un perfetto coordinamento tra Cloud Pubblico e Privato.

Vantaggi dell’Hybrid Cloud:
● Massima flessibilità e scalabilità
● Riduzione e ottimizzazione dei costi
● Controllo sulla sicurezza

Svantaggi dell’Hybrid Cloud:
● Complessità dell’integrazione tra Public e Private Cloud

IL COMMUNITY CLOUD COMPUTING

Infine c’è una quarta via, un’alternativa ai tre principali modelli di distribuzione del Cloud Computing. Stiamo parlando del Community Cloud.
Ciò che lo contraddistingue da altri modelli è il fatto di offrire una piattaforma multiutente in cui possono operare contemporaneamente diverse organizzazioni.
Il concetto di Community Cloud si fonda proprio sulla condivisione di un’infrastruttura tra più organizzazioni, dando avvio a una vera e propria comunità di fruitori, uniti dagli stessi obiettivi e necessità. Per questo il Community Cloud può essere definito anche come un ambiente Cloud Pubblico in cui si innestano elementi tipici del Cloud Privato, in riferimento alle necessità dello specifico settore a cui appartengono le diverse organizzazioni che prendono parte alla community.
In altre parole, il Community Cloud è un Public Cloud fatto su misura per precisi ambiti verticali e specifiche industrie e per questo è impiegato, ad esempio, per i servizi governativi, la sanità o la finanza.
Questo modello di Cloud Computing permette un altro indiscutibile vantaggio, ovvero la ripartizione dei costi tra tutte le risorse coinvolte. Tutti gli investimenti necessari alla realizzazione dell’infrastruttura e il controllo sono condivisi tra i partecipanti alla community, abbattendo i costi per la singola organizzazione.
Tuttavia, il modello Community Cloud incontra spesso l’ostacolo delle stesse aziende. Non tutte le organizzazioni, infatti, hanno interesse ad adottare e condividere risorse comuni con i concorrenti del medesimo settore. Forse è proprio questo uno dei motivi che fa preferire i più classici Private Cloud, Public Cloud e Hybrid Cloud come modelli di Cloud Computing maggiormente impiegati.

In conclusione, ogni impresa ha delle esigenze precise. Non esiste, quindi, in assoluto una soluzione migliore dell’altra, ma solo quella che meglio si adatta alle necessità della tua organizzazione.
Il primo passo per capire di quale si tratta è analizzare i tuoi bisogni, i tuoi obiettivi e confrontarli con i vantaggi offerti dai diversi modelli di distribuzione tipici del Cloud Computing.

 

Sei interessato a soluzioni di Cloud Computing?
Clicca allora qui per scoprire i nostri prodotti e servizi.

  • tommaso
  • 30 marzo 2021